Perché siamo qui? Messaggi sulla bacheca

Durante la prima giornata ai corsisti è stato chiesto di esplicitare in forma anonima, tramite un post-it, le proprie aspettative dall’esperienza che stavano per intraprendere. Ecco che cosa hanno scritto…


 

Sono qui perché credo fermamente che una migliore conoscenza dell’ecologia sia la base per un futuro migliore e sostenibile. Ho inoltre molto apprezzato la multidisciplinarietà degli argomenti e dei docenti in programma.

Sono una dottoranda di Economia, faccio ricerca sull’economia ambientale e i mercati illegali all’Università di Macerata. Sono arrivata in Italia tre anni fa dal Messico.

Il motivo forte? Capire. Vorrei capire per poi dolcemente interagire con il nostro mondo!

Amo la natura, ci sto in mezzo il più possibile, vorrei sapere sapere sapere per trasmettere “cose” giuste ai miei studenti.

Credo fortemente nel detto “l’unione fa la forza”, tengo molto alle tematiche di tipo ambientale e ritengo che questa sia una bella occasione per fare qualcosa di concreto e andare verso la giusta direzione.

Sono qua perché ho visto il corso come una occasione per approfondire temi per me importanti attraverso l’incontro e il confronto con più persone e esperienze.

Penso che l’ambiente sia casa nostra… Non ha senso andare nella direzione dell’autodistruzione. Mi interessa nello specifico riuscire a trovare una via verso l’alimentazione ecosostenibile eliminando sfruttamenti e inquinamento. Dalle materie prime al prodotto finito. Tornare alla naturalità.

Voglio fare la mia parte e per farlo al meglio credo siano utili momenti di incontro e confronto come questo.

Sono una biologa ma non ambientale. La biologia è sempre stata la mia passione intrinseca, ancora prima di divenire un argomento di studio e poi di lavoro. L’ambiente rappresenta l’essenza delle mie passioni e il senso di appartenenza a questo mondo.

Sono qui perché non voglio più sentirmi in colpa quando butto la spazzatura, quando cambio shampoo o spazzolino. Sono qui per il senso di colpa. Voglio fare qualcosa.

Perché ho bisogno di comprendere se ci sono soluzioni, quali sono le soluzioni migliori, quanto bisogna lavorare.

Scoprire modi migliori per vivere nel nostro ecosistema.

Tutto quello che ha cambiato il mondo è partito in una stanza da un gruppo di giovani con voglia di fare.

Perché credo che la consapevolezza sia il primo passo del cambiamento.

Per approfondire in maniera adeguata e consapevole uno dei miei più grandi interessi e cercare poi di divulgare agli altri e renderli altrettanto consapevoli.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sapereambiente (@sapereambiente) in data:

Sono qui per cercare l’altro e me stesso all’interno di una visione comunitaria dove il cibo non sia più un bene scontato ma un bene comune, sacro e vitale che possa darci vita.

Rinforzare la mia idea di sostenibilità ambientale con nuovi strumenti di lavoro ed approfondimento.

Sono venuta qui per imparare. Mi rendo conto che il mondo in cui viviamo si sta ammalando e siamo noi i responsabili. Voglio apprendere, agire e diffondere.

Dopo una parte di vita passata tra i laghi e le foreste della Finlandia all’età di 16 anni ho capito che avrei dovuto fare qualcosa per mantenere questa bellezza che ci circonda ovunque, voglio informarmi e agire più che posso e finché potrò.

Per avere una rinnovata visone interpretativa del ricco patrimonio librario di cui sono fortunatamente custode e divulgatrice.

Sono qui perché credo in un futuro e voglio che tutti ne siano parte attiva e cosciente.

Credo fortemente nel concetto di sostenibilità e vorrei sensibilizzare nel migliore dei modi anche tutte le persone che mi stanno attorno.

Amore per la natura. Desiderio di conoscenza. Volontà di integrare le mie competenze professionali per declinarle in chiave ecologica costruttiva.

Parliamone ;-)